Amici del Sacro Monte

Associazione culturale fondata nel 1967

Logo Notizie asmv1

Il Sacro Monte, Gigi Riva, Voltaire e l’enciclopedia di Mauro della Porta Raffo (di Sergio Redaelli)

mauro della porta raffo 1 593x395

S’intitola “La porta verso il Sacro Monte” ed è un arguto, divertente raccontino che figura nel Dizionario di Mauro della Porta Raffo, la nuova enciclopedica fatica del giornalista e scrittore varesino ma romano di nascita che qualcuno paragona a Voltaire. Il racconto parla di Gigi Riva, l’indimenticato bomber azzurro nato sulla sponda lombarda del lago Maggiore ed è ambientato tra Laveno e lo stadio Franco Ossola di Masnago. Ma non vi diciamo di più per non togliervi il piacere della scoperta quando lo leggerete. Se lo leggerete! Perché il Dizionario Enciclopedico dottamente intitolato “Nel mentre il tempo si va facendo breve” (dalla prima lettera ai Corinzi, cap. 7 v. 29), con prefazione di Vittorio Sgarbi, è un investimento non alla portata di tutti, 210 euro con le spese di spedizione e si ordina scrivendo all’autore all’indirizzo email raffo

Mettiamo subito in chiaro. Non è un dizionario tipo Treccani che mette in fila una monumentale serie di voci in ordine alfabetico. È piuttosto una raccolta di aneddoti, epigrammi, curiosità, malinconie, riflessioni, piccoli gioielli di erudizione, racconti, ironie, noterelle pubblicate in tanti anni dal Gran Pignolo sul Foglio di Giuliano Ferrara, andando a caccia di errori e stupidaggini scritte dai giornalisti della carta stampata. E di interventi pubblicati sul Corriere, Il Giorno, Il Tempo di Roma, Il Giornale, Panorama e la Gazzetta della Sport per citare solo alcune delle testate cui ha collaborato.

Un’opera ambiziosa, 2300 pagine distribuite in quattro volumi, compreso l’indice, qualcosa come sette chili e mezzo di carta: “Ed è solo una piccola parte di quello che ho scritto nella mia vita - spiega l’autore - sto già lavorando alla seconda edizione che avrà il doppio delle pagine e peserà quindici chili”.

Settantaquattro anni, amico di Piero Chiara, candidato sindaco alle amministrative di Varese 2011 vinte da Attilio Fontana, autore di numerosi libri sui più disparati argomenti, Mauro della Porta Raffo è un profondo conoscitore dell’America, presidente onorario della Fondazione Italia-Usa e ospite fisso di Bruno Vespa in tv ad ogni appuntamento elettorale d’oltreoceano. Gli States, del resto, sono una passione di famiglia. Il fratello Silvio, apprezzato poeta e scrittore, finalista al Premio Strega 1997 con il romanzo “La voce della pietra”, ha tradotto l’intera produzione della poetessa statunitense Emily Dickinson e di altre artiste anglo-americane.

Alla presentazione nel Salone Estense, gli amici sbrigliano la fantasia. Claudio Bonvecchio, filosofo, massone e oratore del Grande Oriente d’Italia, parla di “dizionario nel senso di Voltaire e di tesoro prezioso oggi che la cultura si consuma e non si interiorizza”. Riconosce a Mauro della Porta Raffo “la curiosità di un intellettuale del ‘700, critico e corrosivo autore quasi di epigrammi”.

Nella seconda metà del ‘700 Voltaire, Montesquieu, Rousseau e altri grandi pensatori illuministi collaborarono all’Encyclopédie (o Dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri) di Diderot e D’Alembert e il paragone piace al giornalista Giorgio Dell’Arti, fondatore del supplemento settimanale Il Venerdi di Repubblica: “È un dizionario non nozionistico, alla Voltaire appunto - commenta - testi in genere brevi, scritti con la tecnica dell’accumulo seguendo un ordine segreto, una raccolta di storie da leggere come poesie, in sequenza”.

Poesie? Ma allora chi è il poeta tra i due fratelli Raffo? Mauro confessa di essersi sempre vantato di non avere mai scritto una poesia e Silvio ribatte che, più che un’enciclopedia, il dizionario di Mauro è uno “zibaldone caleidoscopico”. Simpatico siparietto. In fondo simili i due fratelli ma diversi fin da piccoli. Quando, entrambi appassionati di Agatha Christie, si dividevano sulle preferenze, uno amava Poirot, l’altro leggeva Miss Marple.

Per Gianfranco Fabi, giornalista economico ed ex vicedirettore del Sole 24 Ore, i quattro volumi si leggono “come un romanzo, sono scritti senza maiuscole con una tecnica vicina al parlare comune e regalano mille scoperte, aiutano a capire e spingono alla curiosità. Un’opera rivoluzionaria, in questo senso. Da gustare poco per volta”. E Cesare Lanza, ex direttore de La Notte, autore in passato di programmi televisivi nazionalpopolari su Rai Uno, elogia “l’infinita erudizione” dell’autore e prevede che arriverà a un milione di voci con le prossime edizioni.

Dal pubblico arrivano le domande. Perché il dizionario non è stato pubblicato da una grande casa editrice? Raffo, pronto, risponde: “Perché non l’ho cercata. Io scrivo per l’urgenza di scrivere e mi rivolgo ai miei due nipoti”.

Qualcuno in sala si chiede: è un’enciclopedia per ricchi? Un prodotto culturale voluttuario che lo stesso autore, dato il prezzo, non ritiene indispensabile per ogni casa, per ogni famiglia? In fondo oggi i ragazzi consultano gratis Wikipedia.

Risposta tranchant: “Wikipedia è piena di imprecisioni e sciocchezze. Va consultata solo da persone assai colte che sappiano distinguere il vero dal falso. Per di più è spesso usata a fini politici, ideologici o economici non confessati. Il mio Dizionario Enciclopedico è opera unica e inimitabile perché io “ho letto, visto e ricordo tutto, perfino le cose che devono ancora accadere”. Che è poi il beffardo sottotitolo dell’opera.

redaelli



 

Sfoglia la rivista

Sfoglia la mappa del Borgo

Cartina S Monte2016 0 s

 

Facebook

Noi su Youtube

Logo youtube1

Iscriviti all'Associazione

pulsante iscriviti

WiFi al Sacro Monte

Varese internet one

RMFONLINE

logoleviestoriche

Logo sacromontedivarese

 

 

LogoSacrimonti

parco campo dei fiori

Radio Missione Francescana

RomiteLogo

LogoMuseoBaroffio

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici. Per saperne di più sui cookie, vedere la pagina Informazioni.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information