Amici del Sacro Monte

Associazione culturale fondata nel 1967

Logo Notizie asmv1

Sacro Monte liberty, prezioso e trascurato - di Sergio Redaelli

Itinerari Liberty 1E’ passato alla storia dell’arte come stile Liberty, ma in fondo si tratta di un equivoco: Arthur Lasenby Liberty è il nome del mercante britannico che aprì un grande magazzino a Londra nel 1875 specializzandosi nella vendita di oggetti d’artigianato eclettico, abiti, stoffe e parati floreali d’ispirazione orientale, un genere irriverente e senza regole che prese il nome di Art Nouveau. Rappresentava la spinta verso la modernità e l’internazionalismo, senza escludere però, furbescamente, l’insegnamento della tradizione.

Fu un immediato successo e il nuovo stile si propagò presto a grandi e piccole città d’Europa, Varese compresa, contagiando il gusto corrente in ogni settore dall’edilizia all’architettura alla grafica, dalla lavorazione del vetro ai ferri battuti, dalla gioielleria alla ceramica; e molte di queste testimonianze sono curiosamente rimaste intorno al Sacro Monte, luogo di villeggiatura della ricca borghesia milanese che, ai primi del secolo scorso, poteva permettersi di costruirsi la villa all’ultima moda.

Con questa premessa Albertina Galli, brava docente ed esperta guida turistica, ha esplorato sabato 2 luglio per gli Amici del Sacro Monte il patrimonio edilizio dei primi del Novecento tra viale Aguggiari e il Campo dei Fiori, curiosando tra ville ed alberghi alla ricerca di torrette e finestre tripartite, piastrelle decorate e tapparelle a scomparsa, balconcini a sbalzo e intonaci colorati. Una foto dopo l’altra, ha commentato le immagini di un percorso sognante: ecco l’Officina del tram in viale Aguggiari con i suoi inconfondibili ferri battuti e le decorazioni in cemento, il villino Podreider in stile eclettico, il basamento massiccio e il tetto mansardato di villa Bonomi in via della Cereda con le decorazioni in beole e il pilastro d’ingresso.

In via Virgilio, a Fogliaro, spiccano le decorazioni a foglia di castagno di villa Bollani, sorprendono i mostri scolpiti nel villino in via Cellini, incuriosisce il liberty viennese di villa Ponti in via Prima Cappella, costruita nel 1909 dall’architetto Taddio. L’originale villa Agosteo è costruita su più livelli, con le piastrelle in stile floreale delle Ceramiche di Laveno, gli intonaci colorati, la finestra ellittica e il balconcino a sbalzo con ferro battuto a forma di ragnatela. In via Fincarà le ville Petazzi e Savina Armiraglio (con il balconcino decentrato e la finestra ad arco ribassato), vantano la firma illustre di Silvio Gambini ed ecco la mano del principe del liberty Giuseppe Sommaruga nelle villa De Grandi del 1912 con il comignolo alto e la finestra ad arco (bow window), a villa Edera e villa Mercurio.

Come ogni rosa ha le sue spine, così anche il liberty varesino ha i suoi punti dolenti. Il Grand Hotel Tre Croci, capolavoro di Sommaruga, è chiuso da mezzo secolo, ridotto a indecoroso “porta antenne” sulla skyline sopra Varese; per non parlare della stazione d’arrivo della funicolare, orgoglio della città turistica d’inizio Novecento, abbandonata da decenni al Campo dei Fiori, triste monumento al degrado e al menefreghismo.

E’ un peccato, sembra dire la relatrice, che questi due trascurati gioielli rovinino lo straordinario giacimento liberty della montagna sopra Varese, l’insieme di ville, alberghi, edifici pubblici e arredi urbani (lampioni, ringhiere, cancelli) che non ha eguali in Italia. Al punto che la provincia di Varese figura nel catalogo mondiale Reseau Art Nouveau Network con Barcellona, Bruxelles, Glasgow, Lubiana, L’Avana e altre affascinanti città d’arte sparse in tutto il mondo.

stop
/
      ozio_gallery_fuerte
      Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

      Sfoglia la rivista

      Sfoglia la mappa del Borgo

      Cartina S Monte2016 0 s

       

      Facebook

      Noi su Youtube

      Logo youtube1

      Iscriviti all'Associazione

      pulsante iscriviti

      WiFi al Sacro Monte

      Varese internet one

      RMFONLINE

      logoleviestoriche

      Logo sacromontedivarese

       

       

      LogoSacrimonti

      Radio Missione Francescana

      RomiteLogo

      LogoMuseoBaroffio

      Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici. Per saperne di più sui cookie, vedere la pagina Informazioni.

        Accetto i cookies da questo sito.
      EU Cookie Directive Module Information