Amici del Sacro Monte

Associazione culturale fondata nel 1967

Logo Notizie asmv1

Grand Hotel Campo dei Fiori. Un capolavoro?

L’impietoso giudizio del Soprintendente alle belle arti Luca Rinaldi al convegno del Palace su Giuseppe Sommaruga.

di SERGIO REDAELLI

Grand Hotel Campo dei FioriUn capolavoro? O un pugno nello stomaco? Al convegno su Giuseppe Sommaruga sono emersi giudizi contrastanti sulla principale opera varesina dell’architetto milanese, il Grand Hotel Campo dei Fiori. A cominciare dalle critiche del soprintendente alle belle arti e al paesaggio della Lombardia Occidentale, Luca Rinaldi: “L’albergo in origine avrebbe dovuto essere più alto di cinque piani, ma anche così l’impatto sulla montagna è fuori scala, non so se la Soprintendenza oggi approverebbe il progetto. Realizzarlo fu una follia della società Grandi Alberghi. Con costi spaventosi. A guardarlo fa venire in mente il film Shining, evoca pellicole noir come Suspiria che infatti vi è stato ambientato. Come tutti gli artisti, anche Sommaruga ebbe alti e bassi qualitativi e io sono critico nei confronti di chi interpreta l’architettura a prescindere dall’impatto ambientale”.

Lo sferzante giudizio di Rinaldi è una delle sorprese uscite dal convegno tenutosi il 7 ottobre per iniziativa della Confcommercio all’Hotel Palace, altro “gioiello” prealpino di Sommaruga che, con Varese, ebbe un costante rapporto professionale lungo l’arco della vita. Il perché lo ha spiegato Marco Tamborini, direttore della Rivista della Società Storica Varesina, autore di un’accurata indagine anagrafica d’archivio: “L’architetto nacque a Milano l’11 luglio 1867 ma il padre Giacomo, di professione “doratore”, la nonna Marianna Castiglioni e il nonno Luigi, orologiaio, erano di Varese. Tra il 1910 e il 1912 tenne uno studio professionale con Giulio Macchi in viale Umberto 1, oggi via Medaglie d’Oro e a Varese realizzò, tra l’altro, le cappelle funerarie delle famiglie Aletti e Comi nel cimitero di Giubiano”.

Leggi tutto...

Il Varesotto del FAI: un circuito, 6 monumenti

Marco Magnifico VP FAINel territorio di Varese esistono 6 beni gestiti dal FAI e chi meglio di Marco Magnifico, vice presidente esecutivo del Fondo Ambiente Italiano poteva descriverli esaltandone le peculiarità e le attrattive?

Per un finale di stagione col botto, sabato 30 settembre nella nostra sede al Sacro Monte, i numerosi soci e simpatizzanti convenuti hanno potuto godere delle straordinarie doti oratorie e comunicative del Dott. Magnifico che ha illustrato i 6 beni FAI Varesotto. Ai cinque già conosciuti (il Monastero di Torba, la Villa Bozzolo di Casalzuigno, la Villa Panza di Varese, la torre e la pensilina dei tram a Velate), dal 2015 si è aggiunto un altro gioiello, la Casa Macchi di Morazzone, donata al FAI dalla proprietaria Marialuisa Macchi insieme a un lascito in denaro.

La villa è rimasta come congelata dagli anni Cinquanta/Sessanta del Novecento, con tutti gli arredi e le suppellettili tipici non tanto di quell'epoca ma piuttosto risalenti fino alla metà dell'Ottocento, a testimonianza della classe borghese che ha fatto la grandezza del nostro Paese.

Leggi tutto...

Santa Maria del Monte e l'Hotel Campo dei Fiori: speranze realizzazioni, eredità

arch ovidio cazzolaLo scorso sabato 23 settembre, il nostro amico e socio architetto Ovidio Cazzola, personaggio di spicco nel panorama culturale varesino, ha tenuto un'interessante conversazione presso la nostra sede sull'attività dell'architetto Giuseppe Sommaruga nella nostra zona.

Nel centenario della sua morte, molti sono stati gli incontri culturali che si sono susseguiti negli scorsi mesi per ricordare la figura del grande progettista che ci ha lasciato dei veri e propri capolavori di architettura liberty, tra cui, il Palace Hotel e il Grand Hotel Campo dei Fiori.

Soprattutto di quest'ultimo edificio ha diffusamente parlato Cazzola: insieme al Ristorante e alla stazione a monte della funicolare rappresenta un insieme architettonico di straordinaria bellezza, che purtroppo versa ora in uno stato di grave abbandono.

Nel tracciare il ritratto a tutto tondo del Sommaruga, Cazzola ha offerto ai numerosi presenti un excursus della storia della Varese dei primi del Novecento sia dal punto di vista politico che culturale, facendoci rivivere con le immagini proiettate la spensieratezza e insieme la grandezza degli anni della Belle Èpoque.

Leggi tutto...

Sfoglia la rivista

Sfoglia la mappa del Borgo

Cartina S Monte2016 0 s

 

Facebook

Noi su Youtube

Logo youtube1

Iscriviti all'Associazione

pulsante iscriviti

WiFi al Sacro Monte

Varese internet one

RMFONLINE

logoleviestoriche

Logo sacromontedivarese

Radio Missione Francescana

 

 

LogoSacrimonti

Logo italian lakes guides 330x300

RomiteLogo

LogoMuseoBaroffio

Questo sito web utilizza cookies tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookies di natura tecnica sono utilizzati anche cookies di terze parti. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookies. Per saperne di più sui cookie, vedere la pagina Informazioni.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information