Amici del Sacro Monte

Associazione culturale fondata nel 1967

Logo Notizie asmv1

Chiara Ambrosoli, figlia d’arte: “La storia merita più attenzione” (di Sergio Redaelli)

conv 09062018 090Non c’è luogo più delizioso della propria casa, diceva il poeta Ovidio (nullus est locus domestica sede iucundior) e Chiara Ambrosoli, 67 anni, psichiatra e segretaria della Società Storica Varesina, è perfettamente d’accordo: “Il Sacro Monte per me è sempre stato un prolungamento della casa. Quando da bambina tornavo dalle vacanze e ne scorgevo in lontananza il profilo che annunciava i rilievi prealpini mi sentivo felice. La storia di Varese e la medicina sono sempre stati le due mie grandi passioni - la scienza di Ippocrate addirittura una tradizione di famiglia a partire da un bisavolo laureato a Pavia - e ho potuto coltivarle militando nell’associazione che dal 1953 raggruppa i ricercatori di storia locale”.

Parlando agli Amici del Sacro Monte su invito di Ambrogina Zanzi, la Ambrosoli ricorda che la montagna sacra sopra Varese è stata spesso oggetto di studi dell’associazione di cui fa parte. Nel 2005 la Società Storica Varesina organizzò un convegno sull’età medievale e pubblicò gli atti nella Rivista numero XXIV con l’introduzione dello specialista Alfredo Lucioni, docente alla Cattolica di Milano. “Fu un atto dovuto – spiega – per celebrare la proclamazione di S. Maria del Monte patrimonio mondiale dell’Unesco nel 2003 e la ricorrenza dei quattrocento anni della Via Sacra nel 2004. Altri contributi hanno indagato la vita di Caterina da Pallanza e delle prime donne salite al monte in eremitaggio mentre a Leopoldo Giampaolo, il fondatore dell’associazione, si deve lo studio dei manoscritti del ‘500 e il primo censimento catastale di S. Maria del Monte”.

Chiara Ambrosoli è in pensione da alcuni anni. E’ autrice di una lunga serie di articoli di storia della medicina scritti a quattro mani con Giuseppe Armocida, psichiatra, medico legale e presidente della Società Storica Varesina. Il padre Luigi Ambrosoli (1919-2002) fu un grande studioso del Risorgimento, della Resistenza e dei movimenti politici italiani, biografo di Carlo Cattaneo per i Classici Mondadori e autore di una preziosa Storia di Varese. La figlia è cresciuta con Silvia, primogenita del critico letterario Dante Isella che un’amicizia fraterna, nata sui banchi del liceo classico Cairoli, legava al papà. “Dante Isella veniva spesso a casa nostra e lo chiamavo zio – ricorda - era una figura di famiglia, unita a mio padre da una comunanza d’interessi intellettuali senza secondi fini”.

Da giovane Chiara è stata testimone dell’attività amministrativa del padre (fu consigliere comunale e assessore all’urbanistica di Palazzo Estense fino al 1980) e dei progetti editoriali che condivise con Piero Chiara, Vittorio Sereni, Guido Morselli, Domenico Bulferetti e Franco Gandini, dell’attività giornalistica per Tracce e Lombardia Nord/Ovest organo della Camera di Commercio, di cui era membro del comitato di redazione. E conserva nella biblioteca di casa decine di recensioni, saggi, documenti storici e interventi d’attualità che Luigi pubblicò sugli organi di stampa locale: “E’ possibile che un giorno – promette - la famiglia pensi a riunire gli articoli in un libro”.

Dall’osservatorio di segretaria degli storici varesini (“ho conosciuto personalmente anche il direttore Leopoldo Giampaolo – dice – quando era già molto malato”) osserva che “in passato alla storia locale non era riconosciuta la stessa dignità della storia maggiore e veniva spesso liquidata come celebrativa e aneddotica, ma oggi ha guadagnato la considerazione che merita. È un veicolo di promozione del territorio e assume a volte un ruolo di denuncia dei problemi d’attualità, come il recupero della caserma in piazza Repubblica e del castello di Belforte”.

Orgogliosamente la Società Storica Varesina non ha mai voluto accettare finanziamenti esterni e vive, o sarebbe meglio dire sopravvive, delle quote annuali versate dai settanta soci, trenta euro l’anno, che danno diritto a ricevere la Rivista diretta da Marco Tamborini. “Talvolta, per motivi economici, abbiamo avuto problemi a fare uscire la Rivista con cadenza regolare – ammette – ma dal 2008 la pubblicazione esce regolarmente ogni anno. Certo, trovare nuovi soci sarebbe una boccata d’ossigeno”. La Rivista del 2018, l’ultima nata, contiene interessanti approfondimenti di Pierangelo Frigerio e Beppe Galli su don Antonio Cominetti parroco di Taino e poeta, di Marco Tamborini sulla distilleria Rossi di Angera, di Giuseppe Armocida sul medico e letterato Paolo Maspero, di Enrico Fuselli sul contrabbando nel Varesotto nel 1915-18, di Gianni Pozzi sulla propaganda a Varese durante la Grande Guerra e di Pierluigi Piano su Domenico Bulferetti.

redaelli

Sfoglia la rivista

Sfoglia la mappa del Borgo

Cartina S Monte2016 0 s

 

Facebook

Noi su Youtube

Logo youtube1

Iscriviti all'Associazione

pulsante iscriviti

WiFi al Sacro Monte

Varese internet one

RMFONLINE

logoleviestoriche

Logo sacromontedivarese

Radio Missione Francescana

 

 

LogoSacrimonti

Logo italian lakes guides 330x300

RomiteLogo

LogoMuseoBaroffio

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici. Per saperne di più sui cookie, vedere la pagina Informazioni.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information