Amici del Sacro Monte

Associazione culturale fondata nel 1967

Logo Notizie asmv1

Sommaruga, la storia “segreta” (di Sergio Redaelli)

atti convegno architetto Giuseppe SommarugaPresentati gli atti del convegno che si tenne l’anno scorso al Palace

Quali rapporti familiari legavano l’architetto Giuseppe Sommaruga a Varese? Perché lavorò tanto sulle pendici del Campo dei Fiori fino a costruire quella gigantesca cattedrale del turismo liberty che è il Grand Hotel Tre Croci? E come va considerata quest’opera? È un capolavoro d’inizio ‘900 come sostengono in tanti o un pugno nello stomaco, un insulto alla montagna come afferma non uno qualsiasi ma il soprintendente Luca Rinaldi? Sono quesiti a cui risponde il volume monografico “L’architetto Giuseppe Sommaruga a Varese - Atti del convegno del 7 ottobre 2017 al Palace” (119 pagine, 30 euro), curato da Marco Tamborini per conto della Società Storica Varesina con il contributo di Confcommercio Lombardia, della Soprintendenza alle Belle Arti e della proprietà del Palace.

Il volume riunisce le quattro relazioni presentate al congresso lo scorso autunno (https://www.amicidelsacromonte.it/352-grand-hotel-campo-dei-fiori-un-capolavoro.html) da cui partirono le denunce di degrado dell’architetto Angela Baila e la diffusione dei risultati delle indagini svolte dal Politecnico di Milano sulle ville liberty di Varese, gli approfondimenti di Marco Tamborini sui rapporti di Sommaruga con la città prealpina e l’inquadramento della sua opera, illustrato da Ornella Selvafolta, rispetto agli orientamenti dell’architettura milanese tra l‘800 e il ‘900. Da ultimo, lo sferzante giudizio del soprintendente Rinaldi sul grande albergo fuori scala che, in origine, avrebbe dovuto essere più alto di cinque piani e che fu costruito con costi spaventosi e un forte impatto sulla montagna.

Dal congresso, come si notava nell’articolo pubblicato in questo sito, non sono venute idee illuminanti su come utilizzare l’ingombrante struttura oggi coperta di antenne e ripetitori tivù che generano un’inquietante onda di elettrosmog. Ma l’assise è servita a fare il punto sullo stato di conservazione e ad approfondire gli studi storici sul grande architetto.

Alla presentazione degli atti del convegno, anch’essa tenutasi al Palace, ha partecipato l’assessore comunale alla cultura e al turismo di Varese Roberto Cecchi, membro del cda del Fai. L’amministratore ha sottolineato il “valore aggiunto” e il “vantaggio competitivo” che il patrimonio architettonico del primo ‘900 rappresenta per Varese e ha citato l’esempio di Torino che ha puntato sulla tradizione automobilistica per recuperare la propria identità industriale.

“L’approfondimento storico – ha riconosciuto Cecchi riferendosi al prezioso lavoro svolto dalla Società Storica Varesina, presieduta da Giuseppe Armocida – valorizza il territorio. Non è facile immaginare il futuro del Grand Hotel Campo dei Fiori ma studiarlo e conoscerlo meglio è presupposto indispensabile di qualunque progetto di conservazione”.

Luca Rinaldi ha recriminato sugli errori commessi a Varese nel dopoguerra con la demolizione, per esempio, dell’antico Teatro Sociale per fare posto a un brutto condominio (“da noi – ha detto - ha fatto più danni la ricostruzione dei bombardamenti”). E il presidente di Italia Nostra Varese, Carlo Mazza, ha annunciato un concorso letterario dedicato al Grand Hotel Campo dei Fiori e una sottoscrizione per ristrutturare la scalinata liberty all’uscita della funicolare.

Chi fosse interessato ad acquistare il fascicolo della Società Storica Varesina può rivolgersi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

atti convegno architetto Giuseppe Sommaruga

Sfoglia la rivista

Sfoglia la mappa del Borgo

Cartina S Monte2016 0 s

 

Facebook

Noi su Youtube

Logo youtube1

Iscriviti all'Associazione

pulsante iscriviti

WiFi al Sacro Monte

Varese internet one

RMFONLINE

logoleviestoriche

Logo sacromontedivarese

 

 

LogoSacrimonti

parco campo dei fiori

Radio Missione Francescana

RomiteLogo

LogoMuseoBaroffio

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici. Per saperne di più sui cookie, vedere la pagina Informazioni.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information