Amici del Sacro Monte

Associazione culturale fondata nel 1967

A cura di Sergio Redaelli

Cripta, i lavori costano! Appello ai privati per tutelare il Sacro Monte

La cripta aRisolto il "problema" della cripta (importo dei lavori 1.150.000 €), gli acciacchi dell'età già incalzano la Via Sacra. Il secondo arco si sbriciola e sono passati due anni dall'ultimo allarme senza intervenire. Alla sesta cappella il pavimento infossato raccoglie l'acqua al centro, anziché farla scorrere all'esterno. Mancano i soldi per provvedere. Le infiltrazioni d'acqua, l'umidità nelle cappelle e le cosiddette "nebbie acide", come ammoniva il professor Furia, intaccano il colore e la pietra delle statue, anche di quelle interne alle cappelle. Quando calano le basse nubi di gennaio e febbraio, cariche di agenti inquinanti che penetrano in profondità, i danni sono assicurati.

 

 

"Il Sacro Monte è come la fabbrica del Duomo – scherza Giorgio Gaspari della Fondazione Cariplo – Non si fa in tempo a partecipare a un inaugurazione che già ci segnalano il prossimo passo. Ma noi ci siamo sempre stati e continueremo ad esserci per ogni idea buona". E il vicario episcopale monsignor Franco Agnesi che presiede la benemerita Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte di Varese non nega l'emergenza: "Non possiamo che ringraziare chi ha contribuito a queste opere, ma ci appelliamo ai privati donatori, alle associazioni e a chi si vuole prendere cura della manutenzione. Qui c'è ancora tanto da fare". L'assessore alla cultura della Regione Lombardia, Cristina Cappellini, assicura che non farà mancare il suo sostegno.

L'anno scorso è partito il progetto-pilota "buone prassi", finanziato al solito dalla Fondazione Cariplo, per curare la manutenzione dei Sacri Monti con procedure costanti di buon senso (controllo delle grondaie e delle coperture, sfrondo del verde ecc.), all'insegna del principio che è meglio prevenire che curare. Ma il piatto piange. Stante la situazione di crisi, i benefattori di una volta sono scomparsi e anche le banche stringono i cordoni della borsa. Ci sarebbe bisogno di uno sforzo corale o almeno dei privati che possono farlo, il Sacro Monte è un patrimonio di tutti che va curato e tramandato possibilmente intatto ai posteri.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici. Per saperne di più sui cookie, vedere la pagina Informazioni.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information