Amici del Sacro Monte

Associazione culturale fondata nel 1967

A cura di Sergio Redaelli

I papi di Santa Maria del Monte

Archivio VaticanoQuali rapporti ci sono stati in quasi duemila anni tra il Vaticano e S. Maria del Monte sopra Varese? In che occasioni e con quali provvedimenti i papi hanno fatto sentire la loro voce fin lassù, nel borgo legato alla leggenda ambrosiana? La risposta è sorprendente. Indagando nei testi di storia della Chiesa, ho seguito le tracce di numerosi pontefici che nel corso dei secoli hanno avuto a che fare con il santuario prealpino direttamente o indirettamente, in modo documentato o nell’alone della leggenda; e a questo argomento ho dedicato il libro “I papi di Santa Maria del Monte – Storie di fede e di potere dai tempi di Ambrogio a papa Francesco” (Macchione Editore, 313 pagine, € 22), che sarà nelle librerie prima di Natale.

Se il pensiero corre subito a Giovanni Paolo II (1978-2005) che il 2 novembre 1984 salì al monte per il quarto centenario della morte di Carlo Borromeo, non si può dimenticare Giovanni Battista Montini, che non ancora papa Paolo VI (1963-1978), lo visitò tredici volte. E prima e dopo di loro decine di provvedimenti amministrativi, autorizzazioni, brevi e bolle papali legano la storia del borgo al cuore della cristianità.

A cominciare dai quattro pontefici forse più importanti nelle vicende di S. Maria del Monte e cioè Sisto IV (1471-1484), il papa della Cappella Sistina, che istituì il monastero il 10 novembre 1474 concedendo alle monache la regola di Sant’Agostino; il discusso Alessandro VI Borgia (1492-1503), accusato a Roma dei peggiori vizi che autorizzò l’arciprete Gasparino Porro a unire l’arcipretura al monastero; Michele Ghislieri, san Pio V (1566-1572), che istituì la Festa del Rosario per celebrare la sanguinosa vittoria cristiana contro i turchi nella battaglia navale di Lepanto; e Clemente XIV (1769-1774), che proclamò beate Caterina da Pallanza e Giuliana da Busto.

Dal papa Damaso I che combatté gli ariani al tempo di Ambrogio a Gregorio XI che riportò la sede pontificia da Avignone a Roma e riconobbe l’Ordine di Sant’Ambrogio ad Nemus; da Innocenzo VIII che si occupò d’intricate controversie patrimoniali sacromontane a Paolo V che mise sotto accusa la teoria copernicana mentre si costruiva la rizzada; da Pio IV, ricordato da una lapide in santuario fatta mettere dal figlio del suo consulente finanziario G.B. Biumi a Leone X, che aveva suscitato l’ira di Lutero con la vendita delle indulgenze e fissò a tre anni la durata in carica delle badesse, un sottile filo lega la Roma dei fulgori barocchi e rinascimentali alla minuscola chiesa varesina che ha saputo attrarre, con le dovute proporzioni, insigni maestri come Nuvolone e Morazzone, Guttuso, il Bernascone e Floriano Bodini.

Sergio Redaelli
giornalista
e socio degli Amici del Sacro Monte

 

Per gli Amici del Sacro Monte che lo prenotano

inviando una e-mail alla casella Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., il libro potrà essere acquistato a 18,00 € anziché a 22,00 €.

 

Copertina redaelli s

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici. Per saperne di più sui cookie, vedere la pagina Informazioni.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information